Il Parco Alpi Cozie recinta l’asilo dei lupi: ne abbiamo parlato con il guardiaparco Luca Giunti.



L’Ente di gestione delle Aree Protette delle Alpi Cozie ha pubblicato il 24 settembre 2020, una importante Determinazione dirigenziale, la n. 239. Con essa stabilisce una “zona di rispetto” in Val Chisone, in Comune di Fenestrelle, sopra l’abitato di Pequerel, dove il transito e l’appostamento di soggetti non autorizzati sono vietati fino al prossimo 10 novembre.

La ragione di tale restrizione si chiama “rendez-vous site”. È il termine francese con il quale si descrivono internazionalmente le zone dove le famiglie di lupi, abbandonata la tana a inizio luglio al completo svezzamento dei cuccioli, lasciano i giovani quando non partecipano alle esplorazioni e alle cacce degli adulti, per poi ritrovarli al termine delle attività giornaliere. Come è facile intuire, è un luogo molto delicato.

L’area è interamente all’interno dei confini del Parco Orsiera-Rocciavré. È delimitata dalla strada SP172 da Pra Catinat al Forte Serre Marie, dal sentiero 335 e dalla cresta del Monte Pelvo (vedi cartografia allegata alla Determina) ed è utilizzata da molte stagioni dai lupi che si sono insediati in quel versante esposto a sud.

Purtroppo, attirano anche curiosi e fotografi che negli anni scorsi hanno provocato seri disturbi alla normale riproduzione dei lupi e ai cervi (facili da avvistare persino dalla strada durante l’autunno, la loro stagione degli amori).

Contrariamente a quanto si può pensare, i cacciatori, invece, non rappresentano un fattore di disturbo rilevante, perché la caccia è sempre vietata all’interno dei Parchi e la loro attività.

Dunque il principale obiettivo della decisione del Parco è di allontanare i frequentatori incivili almeno fino alla prima decade di novembre, quando i giovani saranno ormai completamente adulti e non avranno più bisogno di essere lasciati a riposare al sicuro nell’ “asilo” lupino.

Oltre al personale di vigilanza e ai soggetti autorizzati dal Parco, potrà frequentare l’area solo il pastore locale che conduce tradizionalmente una mandria di mucche, fino alla sua transumanza.

La necessaria informazione al pubblico è garantita sul posto da appositi cartelli affissi dal personale di vigilanza lungo il perimetro e ai principali accessi della zona. I Guardiaparco dell’Ente e i Carabinieri Forestali garantiranno la doverosa vigilanza contro i trasgressori.

Eventuali escursionisti distratti saranno fermati, solo nei primi giorni, prima di entrare nella zona proibita. In seguito, potranno scattare le sanzioni previste dalle Misure di Conservazione sito-specifiche (DGR 54-7409 del 07/04/2014 e smi). Sono piuttosto severe, fino a 5000 €.

Gli enti gestori delle aree protette adottano questi provvedimenti dopo ricerche approfondite e riflessioni prolungate.

Il testo completo della Determina e la cartografia di dettaglio sono consultabili all’Albo Pretorio online dei Parchi Alpi Cozie.

Chi avesse perso l’intervista con il guardiaparco dei Parchi Alpi Cozie Luca Giunti, questa mattina ospite del programma La Sveglia di Chiara, potrà riascoltarla qui: