Cosa si può e cosa non si può fare? Il vedemecum del Consiglio Regionale del Piemonte



Cosa si può e cosa non si può fare? Il vedemecum del Consiglio Regionale del Piemonte

Il Consiglio Regionale del Piemonte ha diffuso un vademecum fatto di domande e risposte per rendere più semplice e comprensibile il decreto del 9 marzo che limita i movimenti in tutto il territorio nazionale per prevenire la diffusione del coronavirus.m Lo riportiamo integralmente qui di seguito.

Ecco cosa fare fino al 3 aprile, su tutto il territorio della Regione Piemonte, da oggi zona di massima protezione:

📌 Posso andare dai parenti? Non è uno spostamento necessario. Bisogna stare il più possibile nella propria abitazione per evitare il contagio.
📌 Posso fare la spesa? Sì, una persona per famiglia, rispettando la distanza di un metro dagli altri clienti ed evitando contatti.
📌 Posso uscire a fare una passeggiata coi bambini? Sì, ma in posti dove non c’è assembramento e mantenendo le distanze. Non è vietato uscire, ma occorre evitare contatti con chi non vive nello stesso nucleo familiare.
📌 Posso andare ad assistere i miei cari non autosufficienti? Questa è una condizione di necessità, quindi sì. Ricordiamo però che gli anziani sono i più fragili al Coronavirus, quindi se possibile è meglio evitare.
📌 Bar, gelaterie, ristoranti? Possono aprire dalle 6.00 alle 18.00, rispettando la distanza di un metro tra i clienti.
📌 Medie e grandi superfici di vendita? Chiuse nei giorni festivi e prefestivi, tranne gli alimentari.
📌 Chi deve assolutamente stare in casa? Anziani e persone immunodepresse o con patologie.
📌 Farmacie e Parafarmacie? Aperte normalmente.
📌 Asili, scuole e Università? Chiuse fino al 3 Aprile.
📌 Riunioni, convegni, eventi, manifestazioni? Vietati.
📌 Pub, cinema, palestre, piscine, discoteche, musei, biblioteca? Chiusi.
📌 Uffici Comunali? Quasi tutti i servizi sono fruibili on line. Sono garantiti i servizi essenziali e urgenti.
📌 Se ho la febbre? Sopra i 37.5C° chiamare il medico di base, stando in casa e NON andare al pronto soccorso.
📌 Posso andare in altri comuni? Assolutamente NO, salvo situazioni di necessità.
📌Posso muovermi per motivi salutari? Sì sempre.
📌 Posso spostarmi per lavoro anche in un altro comune? Sì, gli spostamenti per motivi lavorativi sono consentiti. Negli spostamenti per lavoro, in zona Provinciale rossa, tra Comuni diversi, è bene avere con se l’autocertificazione.

ALTRE DISPOSIZIONI:
Chiusura impianti sciistici, palestre, centri sportivi, piscine, centri benessere, culturali, sociali, ricreativi.
Sospensione attività cinema, teatri, pub, scuole di ballo, sale giochi, discoteche.
Sospensione di manifestazioni, eventi culturali, sportivi, religiosi, fieristici, pubblici e/o privati.
Sospese le procedure concorsuali.

Qui in allegato il modulo di autocertificazione per gli spostamenti:

modulo_autodichiarazione_spostamenti_09134557.pdf