Arriva il Cityfriend per programmare e vivere un’esperienza turistica accessibile



Arriva il Cityfriend per programmare e vivere un’esperienza turistica accessibile

Per rispondere alle esigenze dei turisti con disabilità e bisogni specifici nascono il portale www.cityfriend.it e la nuova figura professionale del facilitatore del turismo accessibile, il Cityfriend.

La cultura del turismo accessibile ha un nuovo alleato per garantire alle persone disabili o con esigenze specifiche un’esperienza di viaggio personalizzata, semplice da organizzare, di qualità e appagante: il sistema digitale integrato Cityfriend.
Il progetto promuove la cultura del turismo accessibile attraverso una serie di azioni concrete che coinvolgono principalmente due protagonisti:

  • Il Cityfriend, la nuova figura professionale con una formazione sia in campo turistico/ricettivo sia nella gestione delle disabilità. Il Cityfriend aiuta a programmare l’esperienza turistica e culturale secondo le esigenze di ciascuno attraverso un contatto diretto (chat, skype, telefono, email). Se richiesto, è presente di persona durante la vacanza, per facilitare e rendere più confortevole e sicura la permanenza.
  • la piattaforma web www.cityfriend.it che mette in relazione i viaggiatori con disabilità, le associazioni, le istituzioni, gli operatori turistici e le strutture ricettive e museali in un unico portale, aggiornato e monitorato. Il sito permette di trovare strutture alberghiere, turistiche e ricreative accessibili (classificate secondo il protocollo Cityfriend), programmare una vacanza affidandosi a personale formato e capace di creare esperienze inclusive e rispettose delle proprie esigenze e prenotare un Cityfriend in loco per facilitare l’esperienza turistica. Le recensioni degli utenti riguardo ai servizi prenotabili sono un’ulteriore garanzia e supporto per orientarsi.

Cityfriend intende dare una risposta concreta all’esigenza di rendere più inclusiva l’esperienza turistica per le persone con disabilità o esigenze specifiche. In ottica di innovazione sociale, vuole favorire una trasformazione culturale che renda il turismo italiano più inclusivo e accessibile, con standard oggettivi di riferimento.

Il progetto nasce dall’idea di Luisa Pavesi, Andrea Panattoni e Alessandro Parisi, un team di professionisti del marketing turistico e della ricettività, in collaborazione con diverse sezioni italiane di Anffas Onlus, l’associazione diffusa in tutta Italia che offre servizi, consulenza e sostegno alle famiglie di persone con disabilità intellettiva e relazionale.

Cityfriend si rivolge a un bacino potenziale di 10 milioni di persone in Italia, che a livello europeo raggiungono i 120 milioni.
L’interesse per un’esperienza turistica accessibile accomuna un pubblico molto ampio: anziani, famiglie numerose con bambini, persone con disabilità motorie temporanee o permanenti, disabilità intellettive/relazionali o sensoriali, problemi di orientamento e comunicazione, patologie invalidanti e problemi di allergie/intolleranze.
A queste persone e ai loro accompagnatori, Cityfriend offre una piattaforma facilmente fruibile che non solo permette di organizzare nei dettagli e in modo autonomo una vacanza personalizzata, ma anche di avere una persona di riferimento, formata sui temi dell’accessibilità, nel luogo di soggiorno. Le strutture alberghiere ed esperienze turistiche proposte su Cityfriend.it sono mappate e classificate secondo un protocollo condiviso dalle principali associazioni attive sul tema e accompagnate dalle recensioni di altri utenti.

La figura professionale del Cityfriend è strategica per il progetto e ha valenze innovative per il settore.
Per il turista disabile rappresenta un supporto importante sia in fase di pianificazione della vacanza che durante il soggiorno: un professionista esperto del territorio, capace di interpretare le sue esigenze e di ascoltare con empatia.

Diventare Cityfriend è un’opportunità lavorativa interessante che arricchisce le competenze degli operatori turistici e offre opportunità lavorativa ai giovani e alle persone con disabilità, in un’ottica di inclusione sociale. Il Cityfriend può avere background diversi: guide e accompagnatori turistici che vogliano ampliare le proprie competenze, diplomati/laureati in ambito turistico, personale socio-sanitario, dipendenti di strutture ricettive e di realtà culturali, consulenti e imprenditori turistici.
Il valore aggiunto del Cityfriend è rappresentato dalla sua formazione, curata da Anffas e da altri soggetti del Terzo Settore, che insegna ad affrontare e risolvere le esigenze specifiche delle persone in viaggio e valorizza le professionalità con competenze in campo turistico, psicologico, sociale e relazionale. Aderire a Cityfriend permette di fidelizzare gli ospiti attraverso servizi e attenzioni adeguati, incentivare le recensioni positive e favorire la conoscenza del territorio.

Un corso per diventare Cityfriend paritrà il 16 gennaio 2020 e si concluderà il 23 gennaio.

Per saperne di più potete riascoltare le parole di Eleonora Pertusio, collaboratrice/area manager di Cityfriend, in diretta con noi questa mattina per farci conoscere questo interessante progetto:

Per informazioni:
comunicazione@cityfriend.it oppure e.pertusio@cityfriend.it