“Scalare” l’Everest: Roberto Trotta è riuscito a portare a termine la sfida Everesting in 19 ore. Ne abbiamo parlato stamattina ai microfoni della Sveglia.



Alle 5,20 del mattino è salito sulla sua bici, unendo passione, costanza, forza e resistenza grandissime, e non è più sceso fino a 20 minuti dopo la mezzanotte, percorrendo 12 volte il tratto Chiomonte – Frais: questa l’impresa che Roberto Trotta, biker chiomontino, ha portato a termine tra domenica e lunedì, confrontandosi con la sfida Everesting.

Ma di cosa si tratta?

Questa mattina nel programma La Sveglia di Chiara, Roberto ha spiegato che l’obiettivo di tale sfida è quello di coprire, su un qualsiasi tracciato, il dislivello complessivo degli 8848 metri che rappresentano l’altezza ufficiale della montagna più alta del globo, l’Everest.

Tre mesi di preparazione e tantissima passione hanno aiutato Roberto a portare a termine questa impresa ed ad essere orgoglioso di se stesso per averla superata con successo. 

Tante emozioni difficili da descrivere, nelle parole del biker di Chiomonte, ma anche la gioia di poter aiutare, grazie alla sua impresa, l’iniziativa della Asd Sport Academy, attività che promuove lo sport outdoor a Chiomonte e dintorni e, soprattutto, lo fa anche per i diversamente abili.

All’Associazione andranno, sotto forma di borse di studio per i ragazzi, i proventi delle sponsorizzazioni e delle donazioni private che hanno reso possibile lo svolgimento di questa giornata.

Una sfida personale, con finalità sociale!

Grazie Roberto per le emozioni che ci trasmetti attraverso la tua grande passione!

Potete riascoltare la nostra intervista qui: