Domani prende il via il progetto Open Valley per lo screening epidemiologico



Domani prende il via il progetto Open Valley per lo screening epidemiologico. 

La parola al coordinatotre del Comitato scientifico, il Prof. Paolo De Marchis.

Open Valley”, il sogno di un’idea è oggi realtà. Partirà domani, domenica 7 giugno, il Progetto di Sorveglianza, Informazione e Formazione – Covid 19 in Alta Valle: uno screening epidemiologico per capire come la popolazione dell’Alta Valle Susa ha reagito al Covid – 19. Un esame che coinvolge, su base volontaria, i circa 14mila Cittadini residenti in Alta Valle di Susa e, attraverso un test rapido, permette di determinare il contatto che questa popolazione ha avuto con il virus. L’obiettivo di questo esame è, quindi, determinare la presenza degli anticorpi che rilevano l’attività del sistema immunitario quando viene a contatto con il Corona Virus, e precisamente i due valori definiti IgM e IgG.

Un progetto che vede come soggetti promotori la Pubblica Assistenza di Sauze d’Oulx della Rete no profit A.N.P.A.S., Rainbow4Africa associazione no profit, il Comune di Oulx ed il Comune di Sauze d’Oulx, con il coinvolgimento delle Amministrazioni Comunali dell’Unione Montana Alta Valle Susa e dell’Unione Montana Comuni Olimpici Via Lattea e con partner la G.E.D.I. S.p.A. – Centro Commerciale “Le Baite” di Oulx e la Gescom s.r.l.- Ipermercato Le Baite di Oulx.

Lo screening si avvale di un Comitato scientifico coordinato dal prof. Paolo De Marchis, e si avvale di importanti collaborazioni nel campo della medicina con infettivologi, medici del lavoro, dirigenti delle professioni sanitarie, docenti universitari, infermieri.

Lo screening si avvale delle collaborazioni dell’Istituto C.D.C. Laboratorio analisi cliniche e di una rete di associazioni del territorio. Il progetto è riconosciuto dall’ASLTo3.

La responsabile del progetto Elena Tamagno, presidente della Pubblica Assistenza di Sauze d’Oulx presenta l’iniziativa: “Il nostro Progetto di Sorveglianza, Informazione e Formazione Covid 19 in Alta Valle è frutto di una sinergia tra pubblico, privato e mondo del volontariato e si svolgerà presso una porzione dell’autorimessa semi interrata del Centro Commerciale “Le Baite” in un’area appositamente adibita. Ci rivolgiamo ai 14mila abitanti dell’Alta Valle Susa che potranno effettuare lo screening su base volontaria, con un contributo di 15 euro (30 euro per i non residenti). Con questo test sierologico non solo offriamo l’opportunità di sottoporsi ad uno screening epidemiologico, ma avremo un quadro esplicativo relativo ai contagi e contatti avvenuti. Altro obiettivo è quello di sensibilizzare i cittadini relativamente alcuni temi di ambito preventivo e igienico/sanitario e di avviare un percorso di sorveglianza epidemiologica della popolazione del territorio. In caso di positività di IgM e/o IgG sarà necessario, ovviamente, effettuare un tampone per test molecolare in grado di stabilire se la malattia è passata o ancora attiva”.

Per saperne di più potete riascoltare l’interessante intervento del Professor Paolo De Marchis, coordinatore del Comitato scientifico, in diretta con noi questa mattina:

Si inizierà con una prima fase sperimentale a partire da domenica 7 giugno 2020 con i seguenti orari 10-12 e 14.30-16.30 presso la struttura dedicata vicino al Centro Commerciale Le Baite di Oulx. Per prenotazioni, a partire da giovedì, 4 giugno è attivo il numero 334254 97 83.