Abbandoni e caldo torrido: i consigli per proteggere i nostri amici a quattro zampe



Abbandoni e caldo torrido:

i consigli della Dottoressa Alessandra Randone per proteggere i nostri amici a quattro zampe.

Questa mattina la Dottoressa Alessandra Randone è stata nostra ospite per l’appuntamento con l’Editoriale “La Parola all’esperto”.

Insieme abbiamo affrontato il tema degli abbandoni, sempre frequenti durante la stagione estiva, quando la partenza per le vacanze pone il problema della presenza di un quattrozampe.

Si stima che ogni anno in Italia siano abbandonati una media di 80.000 gatti e 50.000 cani, più dell’80% dei quali rischia di morire in incidenti, di stenti o a causa di maltrattamenti. L’abbandono è un reato punito con l’arresto fino a un anno o con una multa fino a 10.000 euro. 

Un’altro problema legato all’estate è l’arrivo del caldo afoso e torrido. La Dottoressa Alessandra Randone ci ha proposto importanti consigli per prenderci cura al meglio dei nostri amici a 4 zampe durante la bella stagione. Semplici regole per garantire una estate serena anche per loro.

Primo. Mai lasciare un animale da solo in auto;

Secondo: se notate un animale rinchiuso in auto verificate le sue condizioni generali. Se notate i sintomi di un colpo di calore è importante intervenire rapidamente per evitare la morte;

Terzo punto, come si fa a riconoscere un colpo di calore? Il cane appare a disagio, irrequieto e ansimante, con un aumento della frequenza respiratoria e cardiaca. Successivamente si avrà una perdita di lucidità e coordinazione e l’animale potrebbe barcollare o non riuscire ad alzarsi;

Quarto consiglio: Primo soccorso in caso di colpo di calore: se un animale presenta i sintomi del colpo di calore è necessario correre dal veterinario. Nel frattempo, spostatelo in un luogo fresco e ombreggiato e rinfrescatelo applicando stracci bagnati con acqua a temperatura ambiente sul collo, sotto le ascelle e all’inguine;

Quinto: Gli animali che vivono prevalentemente all’aperto o in giardino devono sempre avere accesso ad acqua fresca e pulita e la possibilità di ripararsi in una zona adeguatamente ombreggiata. Per quanto riguarda gli animali che vivono in appartamento, è consigliabile portarli in passeggiata la mattina presto e la sera, evitando le ore più calde in cui anche la pavimentazione cittadina è arroventata.

Sesto punto: I cani (quasi tutti) amano il mare  e andare in spiaggia è molto divertente anche per i cani ma attenzione alla sabbia e all’acqua di mare, che possono causare irritazioni della pelle. Sciacquarli accuratamente con acqua dolce, facendo particolare attenzione tra i polpastrelli.

Settimo consiglio: applicare crema solare. Alcuni animali, infatti, sono più predisposti a soffrire di lesioni alla pelle a causa dell’esposizione al sole. È il caso dei cani a pelo corto, è ovvio, o che presentano scarsa o nulla pigmentazione della pelle.

Qui di seguito potete riascoltare le parole di Alessandra e approfondirel’argomento trattato oggi: